Home » Libro delle creature. Differenze sottili delle nature diverse by Hildegard of Bingen
Libro delle creature. Differenze sottili delle nature diverse Hildegard of Bingen

Libro delle creature. Differenze sottili delle nature diverse

Hildegard of Bingen

Published December 15th 2011
ISBN : 9788843053278
421 pages
Enter the sum

 About the Book 

Ildegarda di Bingen (1098-1179), benedettina tedesca, deve la sua fama soprattutto allopera mistica e filosofica, alle visioni che le valsero la santità e alle pregevoli composizioni musicali. Il suo eclettismo la spinse a esplorare altri campi delMoreIldegarda di Bingen (1098-1179), benedettina tedesca, deve la sua fama soprattutto allopera mistica e filosofica, alle visioni che le valsero la santità e alle pregevoli composizioni musicali. Il suo eclettismo la spinse a esplorare altri campi del sapere sino a pervenire a quello medico e naturalistico: il Libro delle creature è uno dei frutti di quellesperienza. Strutturato come unenciclopedia, i libri che lo compongono passano in rassegna il mondo vegetale, quello animale e quello minerale, restituendo una sorprendente conoscenza della natura. In un creato costituito dai quattro elementi e percorso dagli umori, luomo e gli esseri animati e inerti hanno in comune lessere creature. Se Dio ha raffigurato tutte le sue opere nella forma delluomo - come Ildegarda asserisce in una visione -, realizzando un microcosmo dotato di anima, luomo riflette anche nelle creature un po di sé, delle sue caratteristiche fisiche e anche dei suoi sentimenti. Ma il Libro delle creature non è soltanto questo: le creature non sono soltanto oggetti da conoscere, classificare e studiare, ma veri e propri concentrati di principi e sostanze che servono alluomo per curarsi e nutrirsi. Un immenso ricettario dove tutto, dalla pianta più sconosciuta allanimale più feroce, dal metallo più nascosto alle acque del fiume più impetuoso ha la sua utilità per il benessere delluomo. Dopo le sublimi visioni mistiche Ildegarda sembra qui ricordarci che anche il corpo, e non solo lanima, vuole la sua parte.